was successfully added to your cart.

Da Buenos Aires a Venna

Ore 20,30  aperitivo buffet con sottofondo musicale

Ore 21.45: prima parte concerto del Quartetto Fancelli (solista Massimo Santostefano) – inspirata al tango argentino

Ore 22,30 : seconda parte buffet

Ore 23,15: seconda parte del concerto del Quartetto Fancelli – ispirata ai grandi valzer viennesi

Ore 24,00: brindisi, festeggiamenti e dolci

Quartetto Fancelli. La formazione deve il suo nome a Luciano Fancelli, raffinato fisarmonicista e soprattutto fine musicista, tra i primi a traghettare la fisarmonica da strumento popolare a mezzo per esprimere tutta la complessità di una musica ben strutturata, evoluta, colta e allo stesso tempo accessibile a tutti. Per questa occasione il Quartetto propone un repertorio variegato … dal tango argentino al valzer viennese, in un accattivante viaggio in attesa del nuovo anno. Formazione innovativa e classica ad un tempo – in questa occasione nella versione con pianoforte – ha all’attivo la pubblicazione del cd “Después de Tango”. Ha svolto moltissimi concerti sia in Italia che all’estero, con grande successo di pubblico.

Dal tango … Il tango ha ormai conquistato il favore delle masse: imperversano scuole di tango, si moltiplicano festival e milonghe tra miradas e adornos, appassionati musicalizadores propongono argentine rarità, persino il marketing televisivo ha enfatizzato prodotti grazie ad esuberanti bandoneon. Moda passeggera? Abitudine trendy? Diversivo per single? Banalizzazione collettiva? No. Una passione reale, cruda, forte. Espressione artistica – il tango – che in poco più di cento anni di vita ha personificato sentimenti forti – nostalgia, rancore, passione, rabbia – grazie al ritmo intriso di mediterraneità, alla dolce severità della sua eleganza, alla romantica intimità della sua danza.

… al Valzer viennese. Il valzer,  così come lo conosciamo oggi, nacque in Germania e in Austria, tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento (dal tedesco walzen, girare). Un ballo inizialmente ritenuto scandaloso, che divenne presto una moda che conquistò tutti, anche negli strati più alti della società.  Grazie a Johann Strauss il “valzer viennese” non mancò più a nessun festeggiamento della corte degli Asburgo. Ancora oggi, il “Neujahrskonzert der Wiener Philharmoniker” (Concerto di Capodanno di Vienna) che si tiene ogni anno a Vienna e che è uno degli avvenimenti musicali più noti al mondo, si conclude sempre con il valzer “An der Schönen blauen Donau” e con altre composizioni di Johann Strauss.